sabato, dicembre 31, 2005

Buon Anno - Καλι Χρονια

Anche il Capodanno è una festa molto importante in Grecia, la festa di San Basilio (Agios Vassilis). Probabilmente l'usanza più diffusa per questo giorno è la preparazione della vassilopita, un dolce particolare dedicato a San Basilio che contiene al suo interno una moneta. Il taglio della vassilopita è molto importante per le sorti del nuovo anno: l'operazione viene eseguita dal capofamiglia ed ogni fetta è destinata a qualcuno in particolare. La prima è per San Basilio, poi vengono quelle per il padrone di casa e la famiglia, ma anche per gli animali, i campi, i poveri... A seconda delle zone cambiano dei particolari nella tradizione, ma alla fine il fortunato dell'anno sarà chi troverà la moneta nella sua fetta.
Il mio augurio personale per il 2006 riguarda la speranza di poter trascorrere più tempo sul suolo greco, magari con un bel trasferimento definitivo ;)
Buon Anno Nuovo A Tutti! (sempre tranno uno).

venerdì, dicembre 30, 2005

Provato il coinvolgimento del governo greco nel rapimento dei pakistani

Atene, mano libera alle spie
Pakistani rapiti, bufera sul governo greco

ATENE È vero quel che tutti sospettavano, nonostante le dichiarazioni del governo di Kostas Karamanlis, il quale smentiva addirittura lo stesso rapimento dei 28 pakistani residenti in territorio ellenico avvenuto dopo gli attentati del 7 luglio a Londra. Il settimanale To Proto Thema (Primo Argomento) ha pubblicato i nomi e i cognomi degli sconosciuti che a luglio entrarono nelle abitazioni dei pakistani ad Atene e a Giannina, li incappucciarono e dopo ore di viaggio li chiusero in una stanza dove furono interrogati per parecchi giorni. I nomi corrispondono ad agenti dei servizi segreti greci e britannici, che hanno operato su ordine dello stesso premier greco. Ieri il procuratore di Atene ha aperto una nuova indagine facendosi consegnare tutti i fascicoli dalla polizia della capitale. La pubblicazione dei nomi, oltre alla verifica di quanto finora sostenevano i sequestrati, ha scatenato non solo le polemiche tra il governo e l'opposizione, ma anche una vera bufera sia all'interno del partito di governo che del Servizio nazionale d'informazione (Eyp), i servizi segreti greci.

A sentire gli stessi ambienti, due sono le ipotesi di lavoro: la prima che la soffiata dei nomi sia dovuta a una guerra interna ai servizi segreti. Stando alla seconda ipotesi, proveniente dal ministero dell'ordine pubblico ma poco credibile, tutto, dalla denuncia del rapimento fino alla pubblicazione dei nomi degli agenti fa parte di un piano di servizi segreti stranieri per colpire gli interessi nazionali greci.

La bufera non ha colpito soltanto l'Eyp, che ora cerca di capire chi tra le spie ha fatto la spia. Tocca soprattutto il governo conservatore dove è in corso una faida in vista del rimpasto previsto tra poche settimane. Si dice che «l'esponente di Nuova Democrazia che ha dato alla stampa i nomi degli agenti abbia voluto colpire il ministro dell'interno, Jorgos Voulgarakis. Di fatto non si spiega perché Voulgarakis insista tuttora che il sequestro non è mai esistito e che tutti si risolve in «una provocazione».

Nel gioco è entrata ora anche l'opposizione socialista. Il Pasok parla di violazione dei diritti umani e di «enormi responsabilita del governo, perché ha lasciato che servizi stranieri agissero liberamente in terittorio ellenico. Dimenticando però che nel 2000 e nel 2003, poco prima dei Giochi olimpici, quando erano i socialisti al potere, i ministri degli esteri della Ue avevano firmato due accordi molto «pesanti» con Washington in materia di sicurezza. Quegli accordi, firmati il 29 maggio 2000 e il 22 gennaio 2003 ad Atene, prevedevano la collaborazione delle polizie e dei servizi segreti dei paesi europei con l'alleato d'oltreoceano. «E' vero, ma prevedevano anche la presenza dei giudici», dicono i socialisti.

Intanto, i migranti pakistani ad Atene denunciano che già molte volte nel passato membri della loro comunita sono stati interrogati illegalmente dalla polizia greca.

Il penalista Frangiskos Ragousis, che aveva presentato al parlamento un dossier su tutta la vicenda in cui documentava abusi e torture, ha presentato una nuova denuncia contro gli agenti dei servizi segreti coinvolti nella vicenda, compreso il capo del MI6 ad Atene, che ha partecipato al sequestro. Gli islamici, che sono stati sequestrati, sono pronti a deporre di fronte al tribunale.

PAVLOS NERANTZIS


Via Anarcotico.net

sabato, dicembre 24, 2005

Buon Natale - Καλα Χριστουγεννα

Buon Natale a tutti, ai greci, agli italiani (tranne uno), agli apolidi, a chi mi legge e a chi non mi legge, di qualunque religione. Spero che passiate queste festività in modo sereno. Καλες γιορτες !

venerdì, dicembre 23, 2005

Ancora un esplosione ad Atene

E' la seconda esplosione nel giro di due settimane. Ancora una volta vicino un edificio governativo: il primo ordigno, il 12 dicembre, era esploso nei pressi del Ministero dell'Economia; quello di questa sera è esploso vicino il Ministero dello Sviluppo, intorno alle 22.30 locali. Danni per fortuna non ne hanno causati.

+16% turisti stranieri nel 2005

(ANSAmed) - ATENE, 22 DIC - Il numero dei turisti stranieri in Grecia è cresciuto del 16% nel 2005 e per la fine dell'anno si prevede un aumento delle entrate del 17%. Lo ha comunicato il ministero del turismo greco secondo quanto riferisce l'agenzia di stampa nazionale Ana. Il ministro del turismo Dimitris Avramopoulos ha detto che per il prossimo anno è previsto un ulteriore incremento del 10,35 per cento nel numero dei turisti stranieri che trascorreranno le proprie vacanze in Grecia. Secondo un sondaggio condotto dalla MRB, ha aggiunto il ministro, il 43,5% dei turisti stranieri si è detto soddisfatto della sua permanenza in Grecia, mentre per il 53,7% la permanenza è stata abbastanza soddisfacente. Tra le cose da migliorare, ha rivelato il sondaggio, figurano l'igiene e la sicurezza sulle strade. Inoltre, secondo i turisti, i costi per vitto, alloggio e taxi sono troppo alti. (ANSAmed). KUZ
22/12/2005 17:33
© Copyright ANSA Tutti i diritti riservati

giovedì, dicembre 22, 2005

Dov'è il Capitano Corelli quando serve?


Ricordate questa scena de "Il mandolino del Capitano Corelli", quando viene ritrovata una mina della Prima Guerra Mondiale sulla stupenda spiaggia di Myrtos? Oggi una simile -per il momento si sa solo che è molto vecchia- è stata ritrovata sulla spiaggia di Poros, sempre a Kefalonia (Cefalonia).

domenica, dicembre 18, 2005

Ah l'idrovolante!

Mentre faccio la consueta lettura di alcuni blog che seguo, uno mi riserva una bellissima notizia, almeno per me che adoro le isole ionie ed in particolare Kefalonia (Cefalonia).
And a new seaplane service should connect the islands of Kefalonia and Zakynthos with Patras, w.e.f mid-January.

Questo è il link alla news della Reuters.

Via PanHellas

Malesani infuriato coi cronisti greci.. κάτσο!

I risultati non proprio ottimi del Panathinaikos di Malesani stanno tenendo il tecnico italiano sulla graticola dei giornali sportivi greci. In un breve conferenza stampa, trasmessa anche nei tg italiani, il tecnico infuriato ha sparato una sequela di decine e decine di 'cazzo!', almeno uno per ogni frase pronunciata. Se volete vedere il video lo trovate a questo link. Dai su Alberto, non t'incazzare.. κάτσο!

venerdì, dicembre 16, 2005

Anche in Grecia si dice miao


mercoledì, dicembre 14, 2005

Assapora l'essenza della Grecia

C'è una vecchia pubblicità del Ente Turismo Ellenico che adoro. Probabilmente non ha avuto molta fortuna ed è scomparsa subito, sostituita da nuove creazioni. Riportava tre foto nella pagina: un panorama delle cicladi (probabilmente Santorini), la Piccola Venezia a Mykonos ed una barca a vela che solca il mare in un paesaggio ionico. Il testo recita così:
Se non sei mai stato in Grecia, non hai mai veramente provato il significato della vita. Perchè la Grecia è una celebrazione dei sensi, una celebrazione della vita stessa.
In Grecia, c'è qualcosa di straordinario da vedere, assaporare, toccare e sentire. Mentre osservi il tramonto del sole sugli antichi templi, assaporando l'odore inebriante del fresco basilico, dell'ouzo. Gustando olive e formaggio feta in una piccola taverna in riva al mare. Sentendo le onde sul tuo corpo, il vento tra i capelli e la sabbia sotto i piedi, oppure ascoltando la voce dei gabbiani.
La Grecia fa molto di più che soddisfare i sensi. Ti spinge a scoprire dei sensi che non sapevi di possedere. Così, se vuoi celebrare la vita, sentirti vivo, lascia che i tuoi sensi ti portino qui. Scopri il tuo sesto senso: scopri la Grecia! Che armonia! Che terra! Che vita!

lunedì, dicembre 12, 2005

E' morto il giornalista Apostolos Athanassopoulos

(ANSAmed) - ATENE, 12 DIC - E' morto stamane Apostolos Athanassopoulos, dal 1991 collaboratore dell'ufficio di corrispondenza dell'Ansa di Atene e da quasi due anni anche di ANSAmed. Era stato colpito qualche giorno fa da un ictus dal quale non si era mai ripreso. Apostolos, che tra qualche giorno avrebbe compiuto 44 anni, laureato all'Università di Trieste in Economia e Commercio, era un'autorità in fatto di sport (lavorava anche come cronista sportivo per il quotidiano ateniese To Vima), ma per l'Ansa copriva tutto, dalla politica alla cronaca, dalla cultura ai viaggi in Grecia di personalità italiane. Sempre disponibile come un vero cronista ha aiutato numerosi corrispondenti dell'agenzia a capire ed amare la Grecia, con la sua conoscenza della tradizione e dei modi locali, e con le sue innumerevoli, preziosissime fonti. Il suo carattere, gioviale ed ironico, e il suo caratteristico accento ellenico, gli avevano guadagnato la stima e l'affetto di tutti i colleghi dell'Ansa e di quelli di altre testate, che spesso a lui si rivolgevano durante viaggi in Grecia. Lo scorso anno, in occasione dei giochi olimpici di Atene, era stato un punto di riferimento per la nutrita missione giornalistica dell'Ansa.(ANSAmed).
2005-12-12
© Copyright ANSA Tutti i diritti riservati

giovedì, dicembre 08, 2005

Atene, quarta meta turistica europea

Evidentemente i greci, da bravi gestori delle proprie cose, sono abituati a tirare le somme a fine anno per fare un riepilogo della situazione. Forse sarà questo il motivo di tante statistiche e sondaggi in questi giorni. L'ultimo che ho letto, condotto dall'Organizzazione per lo Sviluppo Turistico del comune di Atene, ha delineato la capitale ellenica come la quarta destinazione turistica europea, alle spalle di Parigi, Barcellone e Roma. Il 90% dei visitatori intervistati si è dichiarato molto soddisfatto del soggiorno ateniese, i cui principali aspetti positivi comprendono l'amicizia dei rapporti con i greci e il senso di sicurezza che si prova nella città.

martedì, dicembre 06, 2005

Ancora statistiche

GRECIA: 20 GRECI SU 100 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTA'

(ANSAmed) - ATENE, 5 DIC - Il continuo aumento del costo della vita e la relativa diminuzione del potere d'acquisto in Grecia sta creando nel Paese sempre più povertà, stando a quanto emerge da una recente ricerca i cui dati sono riferiti oggi con risalto dalla stampa di Atene. Fino a 20 greci su cento ovvero 2.200.000 persone, cioé un quinto della popolazione totale di 11 milioni), vive oggi al di sotto della soglia di povertà, è quanto risulta dall'indagine condotta dal Centro nazionale di ricerche sociali (Ekke) stando alla quale un greco su quattro - ovvero 2.750.000 persone su una forza lavoro di cinque milioni di individui - ha serie difficoltà ad arrivare alla fine del mese per pagare affitto di casa e far fronte alle spese. La ricerca, precisano le fonti, è stata condotta sulla base delle normative dell'Unione europea sull'esclusione sociale.(ANSAmed). MRR
05/12/2005 15:34
© Copyright ANSA Tutti i diritti riservati


Se confrontiamo le statistiche con quelle della spesa media mensile, ne ho parlato in questo post, c'è qualcosa che non quadra.

lunedì, dicembre 05, 2005

Un paio di notizie

Il fine settimana di solito lo passo lontano da casa per cui ho poco tempo per seguire tutto quello che succede e poche possibilità di postare qualcosa. Ma almeno sono in posto molto più vicino alla Grecia, sia geograficamente che spiritualmente.
Nelle cronache più recenti ho letto solo un paio di cose interessanti. La prima riguarda un accordo tra un cantiere navale di Messina e la Superfast Ferries per la costruzione di 6 nuovi traghetti (159 milioni di euro). La cosa mi fa piacere addirittura per due motivi: 1) è lavoro per il Sud Italia; 2) probabilmente aumenteranno le rotte per la Grecia. La seconda notizia invece riguarda il "Congresso nazionale degli studenti universitari greci in Italia", il che mi ha fatto capire, senza stare ad elencare numeri e statistiche, che in Grecia gli studenti godono di molta più considerazione che in Italia.
Come? Athina Onassis ha sposato il playboy brasiliano? E chi se ne frega, per me non è neanche greca.

venerdì, dicembre 02, 2005

Il vento di Mykonos

No, non mi riferisco al meltemi, di questo ne avrei già voluto parlare ma lo farò più avanti . Parlerò invece di quello che hanno combinato un magistrato e un colonnello dei carabinieri. Due figure che, apparentemente, sono abbastanza lontane dal mondo della musica ma che invece hanno scritto un opera per soli, coro e orchestra. Il testo è del magistrato, Corrado Calabrò, presidente dell'Authority Tlc nonchè poeta e scrittore; la musica è del colonnello Antonio Pappalardo.
La creazione dei due, Il vento di Mykonos, verrà eseguita in un concerto in prima mondiale il 6 dicembre all'Auditorium Pium di via della Conciliazione di Roma. L'evento è stato presentato ieri alla presenza, tra gli altri, di Yvonne Fotini Polychroniadou, addetta culturale dell'ambasciata Greca a Roma che sta già pensando di riproporre l'opera ad Atene. Se volete andarci procuratevi un invito, l'ingresso è gratuito.

giovedì, dicembre 01, 2005

Gateway per internet

Gateway (Diodos in greco) è il nuovo programma sviluppato dai Ministeri dello Sviluppo, dell'Educazione e della Comunicazione, che permetterà a 600000 studenti greci di avere una connessione internet veloce al 50% del suo costo. Purtroppo si sa, la Grecia è uno dei Paesi dove le connessioni internet sono più care ed anche molto limitate in termini di banda. Quelle più diffuse hanno un taglio per noi un po' anomalo: 384Kbps in download e 128Kbps in upload, ma costano quasi quanto una 1280Kbps in Italia. Aspettiamo che passino i tre mesi del periodo di test per poter tirare le prime somme.